Monthly Archives: July 2010

I don’t fuck much with the past but I fuck plenty with the future

quote

Leave a comment

Filed under Uncategorized

e’ solo la lingua che fa uguali

“Perché è solo la lingua che fa eguali. Eguale è chi sa esprimersi e intende l’ espressione altrui. Che sia ricco o povero importa meno. Basta che parli.”

Appunto.

Leave a comment

Filed under Uncategorized

si d’accordo free valpreda, free mandela e tutti gli altri

in realta’, secondo me uno dei motivi per cui gira cosi male, e’ che e’ innegabile che Giovanni Paolo II obiettivamente era piu’ trendy di Benedetto XVI. O se non altro, in foto veniva meglio.

Leave a comment

Filed under Uncategorized

La domenica del villaggio

Una domenica scoprii la festa rom in via azzo gardino.

Si riunivano li la mattina prestissimo, con le macchine a ferro di cavallo, accendevano la musica, aprivano il portabagagli e ci mettevano su la roba della festa, lo trasformavano in una specie di sagra minima.

Quando ci avevo parcheggiato sul lato qualche giorno prima in effetti anche io avevo pensato che era un posto tranquillo. Niente palazzi intorno e stranamente linea bianca.

C’era la mia macchina parcheggiata proprio in mezzo al ferro di cavallo di mercedes gitane, quasi sfigurava. Ci siamo guardati un po’ nel reciproco panico pensando tutti quanti me inclusa adesso e’ un casino, invece poi dovrei uscire, scusate scusate, no scusa tu, scusa tu, e via.

Leave a comment

Filed under Uncategorized

sento gli squilli che mi svegliano come battiti / del tuo cuore ingenuo a metà

E se di notte ti vien voglia mi telefoni
dalla tua casa tranquilla o da un albergo sul mar
sento gli squilli che mi svegliano come battiti
del tuo cuore ingenuo a metà
e ti rispondo scocciato annoiato addormentato
alle tre di notte cos’altro potrei far
e se mi chiedi se sono solo dico son solo
sono solo solo solo come posso spiegar
i gettoni son finiti signore
è ora di andar
ma perché non capite che..

via

Leave a comment

Filed under Uncategorized

I like Beethoven, especially the poems

sarebbe bello avere un riciclaggio dei vuoti a rendere per le persone come le bottiglia di vetro dell’acqua quando ero piccola, solo invece di mettere sei bottiglie nella cassetta e ridarle all’uom odell’acqua, prenderei due o tre persone gli direi, riportamele piene di qualcosa.

via

Leave a comment

Filed under Uncategorized

ottimismo

eppure, non so, mi pare, che prima o poi, non so, forse piu poi che prima, pero’ comunque dopo, va bene.

Leave a comment

Filed under Uncategorized